Ma siamo fatti per restare sempre nello stesso posto?
È vero, così non conosceremo insidie e paure ma nemmeno noi stessi.
Invece sono le difficoltà a dirci chi siamo, e quanto valiamo. Ci possono piegare le ginocchia o farci alzare ancora di più sulle gambe. Noi abbiamo capito che il vento non ci fa indietreggiare ma serve a spingerci ancora più avanti. Sappiamo che è quando non ci sono più tracce da seguire che comincia il vero viaggio.

Se osserviamo le nuvole non ci vediamo un limite invalicabile, ma una motivazione in più per guardare oltre, dove in pochi hanno abbastanza fegato per arrivare.
D’accordo, molti preferiscono la comodità. Noi invece ci sentiamo vivi quando il cuore accelera, il respiro si fa veloce e un nuovo orizzonte ci riempie lo sguardo.
Certo, questa non è una strada per tutti. Ma è quella che abbiamo scelto noi.
E non torneremo più indietro.

Sky’s the limit
Blackfin Campaign 2017